fbpx

LA MIA CORONA DELL’AVVENTO: oggi accendo la prima candela. L’ambiente

POST BLOG HEIDI AVVENTO PRIMA CANDELA AMBIENTE RELAZIONI

La prima candela mette l’attenzione all’ambiente in cui vivo.

L’ambiente in cui viviamo è il risultato di ciò che abbiamo vissuto, dei nostri desideri, delle nostre relazioni.

Spesso queste ultime, sono il vero valore di ciò che chiamiamo casa. Sono il vero termometro della nostra felicità e del nostro benessere. Relazioni che nutrono, ci danno energia, ci fanno sentire persone ricche e prospere. Altre volte, invece, non ci soddisfano, ci mettono alla prova, ci fanno male.

Ciascuno di noi ha, nella propria testa, due tipi di mappe: una contiene le cose come sono, l’altra contiene la mappa di come vorrebbe le cose fossero. I nostri atteggiamenti ed i nostri comportamenti, nascono proprio da come vediamo queste due mappe, che però sono influenzate da chi siamo, da dove siamo cresciuti, dalle cose che ci hanno insegnato.

Queste mappe ci permettono di vedere il mondo, come filtrato da delle spesse lenti. Il guaio è che ciascuno di noi ha lenti diverse, che ci permettono di vedere cose diverse.

Un classico esempio è dato dall’illusione ottica dell’immagine sottostante.

La conosci?

La maggioranza delle persone, nota principalmente la giovane ragazza, ma guardando bene scopriamo anche il volto di un’anziana signora. Se vedo solo la giovane, avrò bisogno che qualcuno mi dia dei riferimenti diversi, per poter vedere la donna anziana: sei d’accordo?

E quante volte ci troviamo a vedere le cose in modo diverso, a voler avere ragione, invece di cercare di capire cosa vede il nostro interlocutore?

Ciascuno di noi è portato a pensare di vedere le cose così come sono, di essere obiettivo. Ma la verità è un’altra.

Noi non vediamo il mondo come è, ma come siamo noi, come siamo condizionati a vederlo.

E cosa c’entra con la candela e con l’ambiente, mi dirai?

Con la prima candela della Corona dell’Avvento, ti propongo proprio di fare ciò che fa solitamente la candela. Fai luce. Fai risplendere l’ambiente dove vivi, dove lavori e le tue relazioni, con un semplice esercizio: in questa settimana, poni l’attenzione, alle persone che hai attorno. Scopri come vedono, attraverso i loro occhiali. Chiedi loro spiegazione, chiedi di farti capire. Ed ogni volta che ti ritrovi con idee ed opinioni divergenti, accendi quella candela che ti permette di capire su cosa è basato il loro pensiero.

Questo è un esercizio potentissimo che ci permette di allargare la nostra mappa.

Buon lavoro!

Appuntamento alla prossima domenica.

 

 

FAI IL TEST: Che tipo di sognatore sei?

 

 

 

Seguimi

Scritto da Heidi Zorzi

Diventare Mental Coach, mi ha aiutato a comunicare con i miei figli, con i miei allievi, in modo sempre più chiaro ed efficace, e aiuta loro a sviluppare autostima, motivazione, consapevolezza, che sono condizioni importanti sia nello sport, sia, soprattutto, nella vita.

29 Nov, 2020

Articoli correlati…

MUOVI LA TUA ENERGIA

MUOVI LA TUA ENERGIA

Prova ad immaginare il tuo corpo, come se fosse costituito da un sistema idraulico. Qualsiasi sistema idraulico per funzionare, ha bisogno di pompe che diano energia, movimento, e di canali che portano l’acqua come dai fiumi al mare.

SEI SINTONIZZATO?

SEI SINTONIZZATO?

Nel nostro corpo scorre un energia. Energie che alcune filosofie chiamano Prana, forza vitale, Chi. Questa energia dà luogo alla formazione di un campo che ci circonda, forse è ciò che ci fa sentire a pelle, attraverso gli organi recettori, determinate sensazioni a contatto con persone o luoghi. Quando sentiamo qualcosa come il carisma o quando abbiamo la sensazione che qualcosa non funzioni o che una persona ci fa del bene.

PERCHÈ SUCCEDE CIÒ CHE STIAMO VIVENDO?

PERCHÈ SUCCEDE CIÒ CHE STIAMO VIVENDO?

Ognuno di noi è qui per un viaggio. E’ un po’ come quando iniziamo ad andare a scuola, non possiamo iniziare direttamente dalla prima superiore, ma dobbiamo andare alla prima elementare. Nel nostro mondo, quello che percepiamo, avviene la stessa identica cosa. Da quale classe iniziamo? Dipende da come siamo usciti dalla classe precedente.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facciamoci una chiacchierata

15 + 3 =

Share This