fbpx

SIAMO ENERGIA

Pst blog Heidi Siamo energia

Energia che produce suono

Eravamo rimasti, nell’articolo della scorsa settimana al concetto che siamo come delle corde di violino. Ricordi? Quindi dovremmo essere capaci di sentire quelle vibrazioni; ogni vibrazione produce un suono, qualsiasi vibrazione produce un colore. Le nostre cellule sono composte da anelli vibranti, dovremmo essere in grado di sentire quel suono.

E’ proprio quello che ha cercato di fare il professor Carlo Ventura, laureato in medicina e chirurgia presso l’ospedale di Bologna, dove è anche professore ordinario di biologia molecolare. Ha fondato e dirige lo Stem Ware Institute Healing.

Ventura si è chiesto:

Se veramente c’è energia, questa deve produrre un suono, perché tutto ciò che vibra produce un suono, quindi anche le nostre cellule, i nostri atomi dovrebbero creare un suono.

 

Attraverso particolari tecnologie e speciali amplificatori, il professor Ventura è arrivato a conclusioni che hanno implicazioni straordinarie.
E se potessi sentire anche tu questo suono?

Magari non è proprio una sinfonia, forse è più vicino ad un rumore, ma comunque, il rumore è un sorta di suono. Se sentissi anche tu il suono di queste cellule, ti convinceresti di più che siamo energia?

Nel web si trova un TedX nel quale il professore parla delle sue scoperte.

Egli spiega che all’interno delle cellule ci sono degli organuli e una sorta di impalcatura formata da filamenti che oscillano di continuo e creano un suono. Anche le cellule stesse sentono questo suono e rispondono per risonanza.

La vibrazione è una sorta di onda meccanica che passa da una cellula all’altra in maniera molto rapida, molto più veloce del passaggio delle sostanze chimiche.

Il professor Ventura, racconta che ha lavorato ad un progetto congiunto in collaborazione con l’Università della California molto interessante. Attraverso l’uso del suono vanno ad orientare il differenziamento della crescita delle cellule staminali, creando cellule cardiache specifiche, piuttosto che cellule epiteliali, o nervose, o altro, utilizzando, appunto, suoni diversi.

Appurato che siamo fatti di energia, di vibrazioni, cosa possono fare queste vibrazioni? La
domanda apre scenari incredibili.

Se è giusto cominciare a pensare che siamo fatti di energia, significa che ogni singolo momento che viviamo, i luoghi, le persone che incontriamo, o le situazioni che viviamo hanno un’energia.

Che tipo di influenza possiamo avere su tutto questo?

Questo è un punto molto importante, come nello spazio temporale una curvatura mette in moto la forza di gravità azionando principi elettromagnetici, anche le nostre vite funzionano così.

La possiamo pensare come una serie di vasi comunicanti: l’energia tende a tornare sempre nel suo equilibrio. Cosa significa? Che se non comandiamo noi l’energia, viviamo situazioni sfavorevoli, il nostro stato d’animo è sfavorevole e produce una serie di reazioni biofisiologiche di un certo tipo.

Ecco che la nostra energia sarà di un certo tipo e anche le frequenze che emettiamo, saranno collegate. Ci agganciamo a quel tipo di energia emanando una particolare frequenza emozionale e quella stessa frequenza ci tornerà indietro.

L’energia non capisce, l’energia esegue.

Ecco perché il paradigma quando raggiungerò questo o quello sarò realizzato, non funziona; l’energia non funziona i questo modo, ma nel modo opposto. La frequenza emozionale che irradiamo ci torna indietro come esperienza reale. Te lo ricordi questo cambio di paradigma? Ne abbiamo già parlato ne La scienza della felicità.

Se vogliamo qualcosa veramente, assicuriamoci di irradiare la stessa frequenza energetica di quella cosa. Vogliamo maggiori risultati sportivi? Assicuriamoci di star emettendo le frequenze di uno sportivo di successo; se vogliamo amore, verifichiamo se stiamo sentendo amore per gli altri; stiamo chiaramente emettendo quel tipo di frequenze e stiamo sentendo amore per noi stessi?

Vogliamo ottenere più risultati per la nostra azienda? Assicuriamoci di emettere le frequenze di un imprenditore di quel tripodi successo; se vogliamo più denaro, verifichiamo di sentirci veramente ricchi e di gioire della ricchezza degli altri; se vogliamo raggiungere il nostro peso forma, assicuriamoci di vivere l’energia di avere già il peso desiderato.

E’ importante ricordare che siamo noi a comandare l’energia, se non lo facciamo noi, saranno gli eventi a determinarla per noi. L’energia non capisce, esegue.

Per questo quando una persona parla non sempre è importante ciò che dice, ma l’energia che produce; è il messaggio nascosto che si porta dietro.

Facciamo un esempio.

Una squadra di calcio sta vincendo la partita, ormai manca poco, l’allenatore decide di fare un cambio, di fare uscire un attaccante e far entrare un difensore. Cosa succede, qual’è l’intenzione? Proteggo il risultato. E’ una strategia che potrebbe essere utile. Il messaggio inconscio alla squadra è “proteggiamoci”.

Quali possono essere le conseguenze?
Che il centrocampista non fa uno scatto in avanti, ma tende a tornare indietro. Può passare il messaggio, all’unico attaccante rimasto, che non ha altro da fare, quindi abbassa l’attenzione.

Il messaggio energetico che passa è quello della paura, della difesa e di tutte le vibrazioni di quel livello.

Cosa succede?
In una percentuale statisticamente rilevante l’energia della paura si trasforma in un goal dell’avversario che così pareggia. Il messaggio che ha comunicato l’allenatore è un messaggio di paura e per i vasi comunicanti, la paura è ciò che ti torna indietro.

L’energia non capisce, l’energia esegue. Ecco perché se vuoi essere un vincente, circondati di persone potenzianti. A livello di energia, comincia a vibrare di quell’energia.

Se vuoi più ricchezza vai a fare un giro in un concessionario di Ferrari, ma non fermare il desiderio nella testa, questo non è mandare energia giusta, perché si ferma al desiderio.

Vuoi perdere peso? Non devi guardare vestiti di una taglia in meno; devi acquistare quel vestito per creare l’energia giusta. Tu già lo puoi indossare, stai solo aspettando che ti sia più comodo. Non dare spiegazioni all’energia, non le capisce!

Mentre ascolti le parole delle persone, fermati ad ascoltare il messaggio energetico che trasmettono.

Osservando le cose con attenzione, mentre le percepisci come energia, inizi a giocare con questa energia.

Sei pronto a sperimentare?

Questa tecnica è usata nelle arti marziali, per avere la meglio sull’avversario.

Ecco come funziona:

  • Concentrati sull’energia del muro e poi sulla tua e fai resistenza all’energia del muro spingendo contro un fascio di energia.
  • Nota come il tuo corpo si sposta leggermente indietro e se la pressione aumenta sei costretto a spostarti un po’ indietro, a muoverti.
  • Prova la stessa cosa sentendoti, invece, attratto dall’energia del muro. Invia un fascio di energia al muro che si collega ad esso, come una corda che ti collega al muro.
  • Noterai come il tuo corpo tende a spostarsi in avanti.Se il livello di energia persiste o aumenta non potrai più fare a meno di spostarti (a meno che tu non decida di non farlo volontariamente)
  • Inizia a percepire l’energia che ti circonda.
Allena la tua energia e raccontami nei commenti i tuoi progressi, se ti va!

 

Seguimi

Scritto da Heidi Zorzi

Diventare Mental Coach, mi ha aiutato a comunicare con i miei figli, con i miei allievi, in modo sempre più chiaro ed efficace, e aiuta loro a sviluppare autostima, motivazione, consapevolezza, che sono condizioni importanti sia nello sport, sia, soprattutto, nella vita.

24 Set, 2021

Articoli correlati…

MUOVI LA TUA ENERGIA

MUOVI LA TUA ENERGIA

Prova ad immaginare il tuo corpo, come se fosse costituito da un sistema idraulico. Qualsiasi sistema idraulico per funzionare, ha bisogno di pompe che diano energia, movimento, e di canali che portano l’acqua come dai fiumi al mare.

SEI SINTONIZZATO?

SEI SINTONIZZATO?

Nel nostro corpo scorre un energia. Energie che alcune filosofie chiamano Prana, forza vitale, Chi. Questa energia dà luogo alla formazione di un campo che ci circonda, forse è ciò che ci fa sentire a pelle, attraverso gli organi recettori, determinate sensazioni a contatto con persone o luoghi. Quando sentiamo qualcosa come il carisma o quando abbiamo la sensazione che qualcosa non funzioni o che una persona ci fa del bene.

PERCHÈ SUCCEDE CIÒ CHE STIAMO VIVENDO?

PERCHÈ SUCCEDE CIÒ CHE STIAMO VIVENDO?

Ognuno di noi è qui per un viaggio. E’ un po’ come quando iniziamo ad andare a scuola, non possiamo iniziare direttamente dalla prima superiore, ma dobbiamo andare alla prima elementare. Nel nostro mondo, quello che percepiamo, avviene la stessa identica cosa. Da quale classe iniziamo? Dipende da come siamo usciti dalla classe precedente.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facciamoci una chiacchierata

14 + 15 =

Share This