fbpx

IL VIAGGIO DELL’EROE

Post Blog Heidi Zorzi Il viaggio dell'eroe

Benvenuta Anima!

Hai già scoperto il disegno più grande, nella tua vita? 

Non siamo solo un mucchio di muscoli ed ossa. Siamo anime con una missione ben precisa, che in molti definiscono come il viaggio dell’eroe.

Il viaggio dell’eroe. Cos’è?

E’ il viaggio dell’Io, del nostro Sé più autentico, del nostro Sè superiore che, nel nostro cammino, stiamo cominciando a conoscere. Ogni stadio della nostra vita è definito da degli archetipi: nascita, crescita, vecchiaia, adolescenza, maturità… Gli archetipi li troviamo nei miti di tutto il mondo. Il viaggio dell’eroe è uno di questi archetipi. Sapere a che punto siamo del nostro viaggio ci permette di allargare la nostra visuale.

Joseph Campbell, psicologo americano, ispirandosi a Jung che credeva nell’esistenza degli archetipi nell’inconscio collettivo, ha cercato delle connessioni nelle storie dei miti e dei cambiamenti che superano i confini culturali. Ha scoperto che le storie dei miti si ripetevano in culture anche molto diverse e molto lontane fra loro ed ha cominciato ad analizzarle. Come nasciamo e moriamo, ci sono per tutti, altri momenti che si ripetono.

I passi secondo Campbell:

Ci sono dei passi che si ripetono, nella vita di ognuno di noi. Andiamo ad analizzarli.

  • Sentire la chiamata. Possiamo scegliere di accettare o rifiutare, dipende da noi.
  • Accettare la chiamata ci porta ad affrontare dei limiti esistenti.
  • Superare il confine. Ci spinge verso nuovi territori fuori dalla nostra zona di comfort. Gli elementi nuovi servono per portare avanti la nostra missione
  • Trovare i guardiani, mentori, sostenitori. Sono coloro che ci supportano, sono le relazioni che ci portano ad affrontare i nostri limiti
  • Fronteggiare un Demone o una sfida. E’ attraversare un limite, un confine. Ci tentano e ci sfidano come eroi. Abbiamo bisogno di imparare ad affrontarli perché molto spesso quei demoni sono dentro di noi
  • Trasformare il demone in una risorsa o in un consigliere. Lo si può fare scoprendo in noi stessi quelle risorse che credevamo di non avere.
  • Completare la prova alla quale siamo chiamati, guardando una nuova mappa del mondo e scoprendo quello che abbiamo imparato nel viaggio.
  • Trovare la via di casa e condividerla con gli altri. Siamo ormai persone trasformate.

Le fiabe

Se torniamo indietro nei ricordi, facilmente ricordiamo il potere delle fiabe che ci venivano raccontate. Le fiabe sono esse stesse numerosi viaggi dell’eroe che inconsapevolmente ci insegnano ad affrontare la vita.

Quelle originali dei fratelli Grimm (non la trasposizione cinematografica fatta dalla Disney) ad esempio, sono antichi racconti tramandati oralmente nel corso dei secoli, che si ritrovano in epoche diverse ed in nazioni diverse, con piccole e grandi varianti, ma con un unico messaggio ben preciso che si ripete.

Portano in esse degli archetipi definiti, che, come riporta magistralmente nei sui spettacoli, Claudio Tomaello, raccontano in realtà il mondo che c’è all’interno di ognuno di noi. Le fiabe sono lo specchio di ciò che c’è in noi. Ed ecco che la principessa addormentata rappresenta la nostra coscienza, la nostra anima, il principe è il nostro spirito che essendo di natura divina è sempre coraggioso, non ha paura. Poi c’è la matrigna che è l’avversario per eccellenza, ma che senza di essa la storia non avrebbe inizio. La matrigna è anche il nostro giudice interiore che ci segnala i nostri limiti. Senza la matrigna non ci sarebbe viaggio né evoluzione

Ogni fiaba inizia con un viaggio esplicito o implicito, perché è nel viaggio che c’è l’evoluzione ed ogni evento serve per crescere.

Ingrediente fondamentale è la fiducia. L’aiuto arriva sempre, basta percorrere la propria strada.

E noi, come siamo messi a fiducia?

E’ “solo” una storia

il viaggio dell’Eroe è una storia, ma in realtà, rappresenta quello che è la nostra vita ed è compiendo questi passi che saremo in grado di superare ogni limite, ogni difficoltà.

Ora è il momento di fronteggiare le sfide che stiamo incontrando nel nostro viaggio. Non sarà inusuale trovarle, nella nostra vita, perché non tutti la pensano come noi e non tutto dipende esclusivamente da noi.

Chiaro che se voglio trovare la mia persona ideale, ho bisogno di un’altra persona. Se voglio trovare il mio benessere, ma da anni ho avuto insegnamenti non utili, non mi sarà facile capire quale sia la strada corretta. Se per lavoro sono costretto ad andare sempre al ristorante, cosa posso fare, io, per cambiare ed abbracciare il mio benessere, la mia salute?

Cambiando la strada, con fiducia, trovo, nel cammino, ciò che serve a me, ma la responsabilità della scelta resta a me. Sono solo io che posso interrompere il karma che mi ha accompagnato fino ad ora.

Come in un tessuto è la trama a delineare il risultato, così nella nostra vita è la responsabilità delle scelte delle nostre azioni a determinarne il percorso.

Di responsabilità e di Karma, te ne parlo nella prossima puntata!

Stay tuned 😉

 

Seguimi

Scritto da Heidi Zorzi

Diventare Mental Coach, mi ha aiutato a comunicare con i miei figli, con i miei allievi, in modo sempre più chiaro ed efficace, e aiuta loro a sviluppare autostima, motivazione, consapevolezza, che sono condizioni importanti sia nello sport, sia, soprattutto, nella vita.

9 Lug, 2021

Articoli correlati…

MUOVI LA TUA ENERGIA

MUOVI LA TUA ENERGIA

Prova ad immaginare il tuo corpo, come se fosse costituito da un sistema idraulico. Qualsiasi sistema idraulico per funzionare, ha bisogno di pompe che diano energia, movimento, e di canali che portano l’acqua come dai fiumi al mare.

SEI SINTONIZZATO?

SEI SINTONIZZATO?

Nel nostro corpo scorre un energia. Energie che alcune filosofie chiamano Prana, forza vitale, Chi. Questa energia dà luogo alla formazione di un campo che ci circonda, forse è ciò che ci fa sentire a pelle, attraverso gli organi recettori, determinate sensazioni a contatto con persone o luoghi. Quando sentiamo qualcosa come il carisma o quando abbiamo la sensazione che qualcosa non funzioni o che una persona ci fa del bene.

PERCHÈ SUCCEDE CIÒ CHE STIAMO VIVENDO?

PERCHÈ SUCCEDE CIÒ CHE STIAMO VIVENDO?

Ognuno di noi è qui per un viaggio. E’ un po’ come quando iniziamo ad andare a scuola, non possiamo iniziare direttamente dalla prima superiore, ma dobbiamo andare alla prima elementare. Nel nostro mondo, quello che percepiamo, avviene la stessa identica cosa. Da quale classe iniziamo? Dipende da come siamo usciti dalla classe precedente.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facciamoci una chiacchierata

2 + 4 =

Share This