fbpx

ESERCITAZIONE DEI 7 FUOCHI

Heidi Post Blog Esercitazione dei sette fuochi

Scopri la magia dei colori

Oggi, attraverso i colori dell’iride, voglio proporti un gioco che ti permette di conoscere e scoprire qualcosa di nuovo in te. L’esercitazione dei sette fuochi.

Preparazione

  • Procurati i seguenti sette colori: Rosso, Arancione, Giallo, Verde, Azzurro, Indaco e Viola

           

 

Fatto?

  • Ritaglia un foglio di carta e tieni sette foglietti delle medesime dimensioni
  • Prendi un foglio, prendi un colore e disegna un triangolo a tua piacere.
  • Non avere fretta nel disegnare, prenditi il tempo necessario, da dedicare ad ogni colore.

 

Solo quando ti sarai lasciato il tempo necessario per disegnare tutti sette i triangoli, vai al seguito e confronta ciò che hai disegnato con la legenda.

Solo così potrai renderti conto di quanto il tuo inconscio abbia risposto correttamente.

Buon lavoro! 🙂

Se ti va un po’ di musica, avvia le tracce che trovi qui sotto.

 

Legenda

Nota la dimensione dei triangoli che hai disegnato e rapportali alle varie descrizioni.

Fuoco rosso: è l’energia della materia, del denaro del cibo; delle cose solide e terrestri. E’ la capacità di appropriarci di ciò che è indispensabile per il nostro sostentamento: il cibo, lo spazio, la posizione sociale. Ma anche l’ego, l’apparire, il possesso, la paura di perdere ciò che si ha, i contrasti con i genitori. Nota quanto tempo dedichi, ogni giorno a questa area e quanto la alimenti.

Fuoco arancione: è l’energia del piacere, del sesso, di tutte le cose che ti piacciono. E’ il luogo vuoto, mai sazio, da riempire di cose sempre nuove. E’ la curiosità, il motore, la causa del movimento, della ricerca interiore e della realtà: E’ la ricerca dell’altro; il desiderio, ma anche la liberazione dagli attaccamenti dai legami del passato. Quante attività fai ogni giorno che ti piacciono? E quante sono quelle perché devi? Quanto stai alimentando questo fuoco?

Fuoco giallo: è la trasformazione della materia in energia;  sono le emozioni, il potere che nasce da dentro di te. Quando permetti che gli altri ti stimolino emozioni negative, stai dando agli altri il potere che è tuo e soffochi il tuo fuoco.Quando il potere è dentro di te, ti fa stare bene, quando è fuori di te subisci ciò che vogliono gli altri. Attenzione anche alle vocine depotenzianti che ci fanno stare male e debilitano il nostro fuoco. La capacità del fuoco giallo é saper lasciare andare. Lasciare scivolare e trasformare qualunque evento in energia vitale, in forza, in saggezza. Ciò che ci accade è ciò che ci serve. Quanto è grande questo fuoco?

Fuoco verde: simboleggia il cuore. E’ l’amore incondizionato, l’energia dell’unione, della conciliazione degli opposti, dell’identità pura e profonda; siamo capaci di amare chi ci fa del male? Quando mi arrabbio alimento la rabbia di chi ho davanti ed il fuoco si spegne. Com’è il tuo fuoco verde?

Fuoco azzurro: è il suono, la trasformazione dell’aria in parole, è la comunicazione; l’espressione di ciò che abbiamo dentro. E’ la possibilità di entrare in contatto gli uni con gli altri attraverso un’onda, una vibrazione ed uscirne modificati. E’ il mistero dell’arte: del canto, del suono, della scultura, della pittura; di qualsiasi espressione creativa fatta con la voce o con le mani. Quando non riusciamo a spiegare ciò che abbiamo dentro, il nostro fuoco si spegne. Quando non rispondo e mi mordo la lingua x non litigare, soffoco il mio fuoco azzurro.

Fuoco Indaco: è l’intuizione, la visione futura. La facoltà di vedere oltre le forme, la comprensione immediata del senso. Tutte le volte che non seguiamo la nostra intuizione togliamo energia. Ci arriva l’idea poi la vocina che sta dentro di noi ci dice: no dai! – ci trova qualche scusa e ci perdiamo. Quella reale è la voce immediata, quella è la voce da seguire, altrimenti il fuoco si spegne.

Fuoco Violetto: è una sorta di interfaccia tra il mondo fisico esterno (suoni, luci, sensazioni) e la nostra biochimica. E’ il centro della coscienza cosmica, la ricerca della parte divina che sa cosa dobbiamo fare. Quanto tempo riesci a stare in silenzio con te stesso? Siamo abituati a riempirci la giornata per non stare con noi stessi. Quanto alimenti questo fuoco?

 

L’esercizio dei sette fuochi ci permette di raffrontare i nostri disegni istintivi, con chi siamo veramente.

Capire qual’è il nostro stato attuale rispetto a quell’equilibrio interiore che ci permette di  essere allineati verticalmente, con i piedi ben piantati nel terreno e con la capacità di sintonizzarci con l’universo.

E’  la frequenza che  permette di  metterci in contatto con ciò che veramente desidera il nostro Sè Interiore che non è da confondere con ciò che brama il nostro Ego.

Come sono i tuoi triangoli che rappresentano i tuoi fuochi? Sono equilibrati, o hanno misure diverse?

Scopri dentro di te se, in effetti, i fuochi piccoli coincidono con aree della tua vita un po’ scomode, con paure o difficoltà che incontri sul tuo cammino.

Come cambierebbe la tua vita, lavorando per aumentare i fuochi più piccoli, e tenendo a bada i fuochi che  tendono a scappare?

Buon lavoro!

Seguimi

Scritto da Heidi Zorzi

Diventare Mental Coach, mi ha aiutato a comunicare con i miei figli, con i miei allievi, in modo sempre più chiaro ed efficace, e aiuta loro a sviluppare autostima, motivazione, consapevolezza, che sono condizioni importanti sia nello sport, sia, soprattutto, nella vita.

2 Gen, 2021

Articoli correlati…

ATTENZIONE E INTENZIONE. Seconda parte

ATTENZIONE E INTENZIONE. Seconda parte

Numerosi esperimenti dimostrano che l’attenzione focalizzata è in grado di cambiare le caratteristiche fisiche della materia. Il come dipende da quale intenzione ci mettiamo.

ATTENZIONE E INTENZIONE – Prima parte

ATTENZIONE E INTENZIONE – Prima parte

L’attenzione è un potere molto conosciuto, ma poco considerato.
Quando prestiamo attenzione ad una cosa, diventiamo consapevoli di quella cosa. Iniziamo a sentire nostra quella cosa. E’ già successo milioni di volte, ma la nostra consapevolezza non ci ha permesso di rendercene conto. Raramente consideriamo lo strumento che usiamo per guardare, per sentire; lo strumento dell’attenzione.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facciamoci una chiacchierata

14 + 13 =

Share This