fbpx

MI PRESENTO

heidi-zorzi-blog-post-presentazione

ABBONDANZA E LEGGE DEL DHARMA

Tu cosa fai per essere felice?

Da quando ho scoperto cosa volevo fare da grande, molte delle mie attività hanno trovato uno scopo. Ho sempre amato muovermi e stare all’aria aperta, praticare sport, stare con gli amici, poter essere utile a qualcuno, leggere libri, scrivere, cantare e ballare…

Tutto ciò rende felice me e le persone che mi sono vicine, perché io posso essere felice quando anche le persone intorno me, sono felici. Esprimere i nostri talenti e renderli utili per gli altri è anche l’espressione più alta della legge del Dharma.

Ma quali sono i talenti di ciascuno di noi?

Qual’è il nostro scopo?

Amo la definizione che dà Deepak Chopra, rispetto allo scopo della nostra vita: “Lo scopo della nostra vita è ciò che fa cantare il nostro cuore.”

E tu, hai scoperto cosa fa cantare il tuo cuore?

#Abbondanza

STUPORE

Fino alla quarta elementare la scorciatoia che mi portava alla scuola, era un sentiero nel bosco. Uscivo di casa poco prima delle otto e imboccavo il percorso che attraversava quello che chiamavamo “il boschetto”.

Erano meno di dieci minuti di passeggiata, tra alti abeti dai lunghi rami e qualche grosso sasso. A terra, una bassa erbetta alternata a morbido muschio, copriva il terreno.

Nei mesi freddi, ricordo il nostro fiato che si condensava in nuvole bianche di parole, e raccontava i progetti dei giochi e degli impegni pomeridiani. Il periodo che preferivo era la primavera, quando la neve, diradando, lasciava il posto a macchie, di un grigio prato, sempre più ampie. In quelle macchie di erba ancora bruciata dalla neve, sbucavano, come d’incanto, le soldanelle.

Dopo tanto bianco, quella leggera fioritura, era una festa tinta di viola. Era un emozione sincera che riassaporo ancora oggi, quando la natura riparte nei primi mesi dopo l’inverno.

E tu? Ami ancora, stupirti come un bambino? Cosa ti fa emozionare?

Scrivimelo nei commenti, se ti va.

#Stupore

RADICI

Questa primavera, su invito di Maurilio Brini, che voglio pubblicamente ringraziare, ho fatto un lavoro molto interessante sulle mie radici. Ho scritto diverse pagine, mettendo nero su bianco la storia di chi mi ha preceduto: i miei genitori, gli zii, i nonni, gli amici più cari.

Ne è uscito uno spaccato di più di un secolo di vite, intrecciate e rese possibili da scelte, paure, speranze e progetti. Ne sono usciti ambienti, situazioni ed emozioni che vivevano solo nei ricordi e che ora hanno preso colore, si sono animati, si sono trasformate in parole, in immagini vivide.
Per me è stato importante per dare ancora più valore ai passi fatti da chi mi ha preceduto, per capire cosa ho ereditato dai miei avi; come le loro paure sono diventate le mie, come le loro vittorie sono diventate anche le mie. Quando nasciamo portiamo come eredità la vita delle sette generazioni che ci precedono: ci sono anni di guerre, di povertà, di rincorse e di successi. E’ il primo passo per conoscere a fondo se stessi.
E’ qualcosa di prezioso che rimane nelle mani dei miei figli per conoscere e comprendere anche le persone che non hanno conosciuto, mentre riconoscono sé stessi.
E tu, conosci le radici che ti hanno portato ad essere la donna o l’uomo che sei oggi?

LIBERTA’

Tra i miei valori, uno dei più importanti è la libertà.

Certo ha a che fare con il mio amore per gli spazi aperti, con lo sport, con la libertà di pensiero e la libertà fisica. Ma ciò che ricerco, ancor di più, nella mia vita, è la libertà di essere coerente al mio Essere più profondo.
Riconoscendo e rispettando ciò che è importante per me.
Voglio essere chi sono veramente, oltre le regole dell’ego, delle aspettative, degli obblighi morali. Voglio essere libera dai condizionamenti che mi sono costruita e che mi sono stati insegnati, se non mi sono utili.
Ho trovato racchiuso, questo desiderio, nella terza regola della Legge dell’attrazione: “Permetti a te stesso di essere ciò che sei e agli altri di essere ciò che sono”.
Ecco questo è per me libertà.
È la libertà di accettare ciò che sei per poter esprimere tutto il tuo potenziale.
È la libertà di scegliere i tuoi pensieri.
È la libertà di scegliere tu per la tua vita.

FREQUENZE

Immagina gli aquiloni della poesia.

Come ti fanno stare?

Quali sono le emozioni che ti fanno nascere?

A me mettono un gran entusiasmo, mi scatenano la voglia di correre per i prati che hanno i bimbi. E’ un immagine emozionante e coinvolgente, dalla quale mi lascio pervadere; mi fa stare bene, mi nutre, mi riempie di amore.

E’ il potere delle immagini, delle parole, dei suoni. Immagini, parole e suoni non sono semplicemente tali. Hanno al loro interno un’energia, una frequenza, una vibrazione che risuona con ciò che a loro è più affine.

L’universo intero, vibra di una sua energia. Ogni oggetto, persona o idea ha una determinata frequenza e tutto ciò che vibra della medesima frequenza va in risonanza. Lo sapevi?

La frequenza è contagiosa come una sonora risata, ma attenzione: contagia anche la paura, la rabbia e la violenza, per fortuna con meno potere.

Per me è stato sempre piuttosto naturale dirigere i pensieri verso ciò che mi fa stare bene e quando la situazione è un po’ più complicata, modifico i pensieri, cambio le parole, attacco le convinzioni che non mi sono utili. Infine raggiungo un posto, nella natura.

In mancanza di quello reale, lo visualizzo dentro me stessa, ma l’effetto dirompente è il medesimo. Lì la mia energia torna sempre a rifluire perché la mia vita si ritrova in armonia con principi e valori veri.

E tu, come fai ad alimentare la frequenza del tuo benessere?

#Frequenze

CRESCITA

Ho spesso letto e studiato con piacere. Ho amato molto la storia, i libri di viaggi e di scoperta.

Poi un giorno ho inciampato in Brian Weiss e da lì, nella crepa che c’era in me, come canta Leonad Cohen, ha iniziato ad entrare la luce. Una di quelle domandine da poco😉che ci entrano in testa, ha iniziato a presentarsi: “Che ci fai tu su questa terra?” “Cosa porti?” [2 Fiorini! Ah, no, questo era un altro film😅]

È allora che ho cominciato a scoprire l’esistenza della fisica quantistica, ad interessarmi a come essere un genitore migliore, a cosa potevo fare per migliorare me stessa ed essere un punto di riferimento per i miei figli, a come potevo migliorare le mie relazioni.

Ci sono voluti degli anni, prima che approdassi al mondo del Coaching e della Programmazione Neuro Linguistica. Anzi quest’ultima la ritenevo contraria ai miei principi, credendo a ciò che qualcuno mi aveva raccontato… Poi ho scoperto cos’era, grazie ad una frase di Alessandro Mora che mi ha fatto fare pace con le mie convinzioni: “Non sono le tecniche che cambiano le persone, sono le persone, che cambiano le persone” .

Ok. Allora, faceva per me.

Ed è per questo che fremo, al pensiero di lanciare, domani, il mio sito come Mental Coach – Allenatrice di frequenze.

Il mio zaino è pronto. Come avrai capito, se mi hai seguito in questi giorni, le cose essenziali per me, sono già dentro allo zaino:

💫 La gratitudine di poter essere utile e di vivere nell’ABBONDANZA

💫 La magia di continuare a STUPIRMI

💫 La riconoscenza e l’amore per le mie RADICI

💫 La LIBERTA’ di essere me stessa

💫 La determinazione nell’influenzare le FREQUENZE

💫 La continua CRESCITA a piccoli passi.

Io sono pronta.

Ti aspetto domani, con la tua energia 💫

#Crescita

Eccomi!😃

Benvenuto nella mia casa virtuale. Mentre apro le sue porte, ringrazio Momo Giacomo Maragna che mi ha accolta, guidata, sostenuta in questo splendido mondo tecnologico.🙏🏻

Questa casa è fatta di spazi aperti, di montagne, di boschi.
C’è un posto magico dove guardare le stelle e scoprire come affronti i tuoi sogni.
Ci sono panchine, dove poterti soffermare e approfondire lo sguardo su quel tratto di panorama.
C’è un fuoco sempre acceso, dove ogni settimana ci si trova a far filò, a raccontarsi storie, idee e pensieri.
Ci sono io😉
Ecco, questa è la mia casa virtuale, tu sei il benvenuto!😃
Dimmi cosa ne pensi nei commenti – per me è importante!

Seguimi

Scritto da Heidi Zorzi

Diventare Mental Coach, mi ha aiutato a comunicare con i miei figli, con i miei allievi, in modo sempre più chiaro ed efficace, e aiuta loro a sviluppare autostima, motivazione, consapevolezza, che sono condizioni importanti sia nello sport, sia, soprattutto, nella vita.

16 Ott, 2020

Articoli correlati…

AUTOSTIMA. Ricorda più spesso a te stesso che puoi.

AUTOSTIMA. Ricorda più spesso a te stesso che puoi.

Hai mai pensato quanti progetti, sogni e desideri hai chiuso in un cassetto per la paura di fallire?
Ti sei mai chiesto cosa ci impedisce di osare, di uscire dalla solita zona di comfort, di scendere in campo?
Smettere di giudicarsi è un primo passo fondamentale per riconquistare la nostra autostima e capire in che modo ci stiamo giudicando ci aiuta a farlo. Parlo di AUTOSTIMA.

DIVENTA L’INGEGNERE DELLA TUA STORIA

DIVENTA L’INGEGNERE DELLA TUA STORIA

Ogni volta che non ottengo i risultati che mi aspetto, ogni volta che mi manca qualcosa, nella mia storia personale c’è qualche cosa che scatena una mia reazione nella quale non sono causa, ma sono semplicemente effetto.

ANOMALIE E STORIA

ANOMALIE E STORIA

Ci sono diversi enigmi nella storia. Anomalie che pongono il dubbio sulla certezza riportata dai libri di storia. Se ci pensi, anche la nostra storia è soggettiva, dettata da convinzioni e programmazioni, condizionata dalla nostra percezione e dalle nostre emozioni. E se la rivedessimo?

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facciamoci una chiacchierata

14 + 2 =

Share This